CORSO D’OPERA A FIRENZE, 24 AGOSTO – 13 SETTEMBRE 2020

CONCLUSIONI

L’ottava edizione della Masterclass “Corso d’Opera in Residenza a Firenze 2020” (dal 24 agosto al 13 settembre 2020), come nelle altre edizioni, ha selezionato 12 candidati tra allievi effettivi e uditori, provenienti da diverse nazionalità quali Canada, Brasile, Ucraina e naturalmente Italia. Purtroppo a causa delle restrizioni e delle norme anti Covid-19 vigenti nel periodo della Masterclass, 3 allievi si sono dovuti ritirare: sono stati dunque 9 i giovani cantanti protagonisti di “Corso d’Opera in Residenza a Firenze 2020”. Per il primo anno i corsi si sono svolti nella splendida cornice di Villa Favard, sede del Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze, che ha accolto con entusiasmo e amicizia le attività, partecipando attivamente all’organizzazione dei Corsi e a tutte le iniziative.

Grazie al sostegno della FONDAZIONE CR FIRENZE e del Bando “Per Chi Crea”, MIBACT e SIAE, Corso d’Opera ha potuto garantire l’accesso completamente gratuito alla Masterclass 2020, vitto e alloggio per tutto il periodo dei corsi a tutti gli studenti residenti in Italia, di qualunque nazionalità.

La Masterclass ha avuto inizio con le lezioni di Tecnica ed Interpretazione di Musica da camera del tenore Leonardo De Lisi, (al pianoforte M° Ulla Casalini), attraverso le quali gli studenti hanno potuto iniziare il percorso formativo con i  preziosi consigli di un grande didatta come il Prof. De Lisi, docente del Conservatorio Cherubini di Firenze, in un repertorio d’elezione e di nicchia (italiano-francese-tedesco), talvolta ingiustamente trascurato nella formazione dei cantanti.

La mattina del 27 agosto è intervenuto il M° Daniele Rustioni, direttore d’orchestra, direttore principale dell’Opera de Lyon e direttore artistico di ORT (Orchestra Regionale Toscana,) accompagnato al pianoforte dal M° Ulla Casalini, che ha spiegato agli studenti la figura del direttore d’orchestra lavorando con loro sull’interpretazione del gesto del direttore su arie e brani d’insieme, dando loro fondamentali indicazioni sull’impostazione interpretativa e ritmica dello studio dei brani musicali.

Durante le lezioni di Tecnica vocale con il tenore Fernando Cordeiro Opa, al pianoforte M° Beatrice Bartoli, gli studenti hanno potuto ampliare la loro conoscenza della tecnica vocale, anche attraverso un importante impostazione fisica del corpo, e approfondire la conoscenza della loro vocalità, grazie ad eccellenti e talvolta “rivoluzionari” suggerimenti di Opa, scoprendo nuovi percorsi per il proprio repertorio.

Le lezioni di tecnica vocale sono state in parte affiancate dalle sessioni, di gruppo ed individuali, di Bioenergetica con il Dott. Temperani, ormai parte del corpo docente di Corso d’Opera dall’edizione del 2013. La Bioenergetica è un percorso psicologico indirizzato a comprendere la personalità e il carattere degli individui relativamente ai suoi processi energetici: respirazione, metabolismo carica e scarica di energia nel movimento. Alexander Lowen ci ha ricordato, nel suo lavoro, che la parola personalità ha due radici, la prima è la persona come “maschera”, e la seconda la persona “attraverso i suoni”: così la voce, possiamo dire, è espressione della personalità.  Gli studenti hanno potuto riflettere sulla connessione che esiste tra i sentimenti e la voce e notare quanto la liberazione e la riorganizzazione di questi attraverso il canto abbia portato a risultati evidenti già nelle lezioni immediatamente successive. Tutti hanno sperimentato quanto sia stato più immediato respirare anche attraverso la cassa toracica posteriore.

A quelle di Tecnica vocale, sono seguite le lezioni di Interpretazione con il M° Michele Pertusi, basso riconosciuto a livello internazionale e Testimonial di Corso d’Opera, accompagnate al pianoforte sempre dal M° Beatrice Bartoli. Durante le sue lezioni, il M° Pertusi, ha lavorato con gli studenti sul fondamentale e profondo studio dell’interpretazione dello spartito, preparandoli ed affiancandoli al concerto di metà corso, che si è tenuto il 4 settembre alle ore 21 presso la Sala del Buonumore nella sede centrale del Conservatorio L. Cherubini di Firenze. Durante il concerto si è inoltre esibito a fianco dei ragazzi sia eseguendo arie del suo repertorio che duettando con loro.

Hanno arricchito ulteriormente questa prima parte del corso le sessioni di Training funzionale specifico per cantanti, secondo il programma ideato dal compianto Prof. Mario Marella, Biomedico dell’Università degli studi di Firenze, Facoltà di Scienze dello Sport (in partnership con Corso d’Opera dal 2015), con il suo assistente Paolo Spicuglia, preparatore ed esperto di sport science.

Sono stati eseguiti, da Paolo Spicuglia, test per individuare i parametri biomedici di ogni studente, sia prima che dopo la prestazione, alla prova generale della mattina ed al concerto del 4 settembre. Così si è potuto raccogliere ulteriori dati di paramento per proseguire lo studio specifico “Biotipo del cantante d’Opera e dei relativi dispendi energetici”. Sono state redatte e consegnate agli studenti delle schede di valutazione personali contenenti un’analisi della forma fisica di ciascuno ed un piano personalizzato di training funzionale per migliorare le proprie prestazioni artistiche.

L’importanza di questo training diventa fondamentale quando si pensa alle nuove regie teatrali dove ai cantanti è chiesto di correre, salire le scale o saltare durante la prestazione vocale. È stato dunque mostrato agli studenti, nella Lezione Conversazione “Art Performance e Performance Top Level”, con Paolo Spicuglia ed il M° Pertusi, quanto il coinvolgimento corporeo-muscolare totale, se non preparato correttamente, potrebbe condizionare e anche compromettere il risultato della performance o, al contrario, migliorarlo.

Nell’ultima settimana della Masterclass, dal 5 al 12 settembre, si sono tenute le lezioni di Tecnica e interpretazione di opera e musica da camera con Alessandro Corbelli (al pianoforte il M° Angelo Michele Errico) e di Recitazione teatrale, improntate sulle tecniche del corpo e della maschera, con il regista Hugo de Ana.
Anche queste lezioni sono state un’esperienza formativa preziosa per gli studenti, un arricchimento della propria esperienza professionale a confronto con due professionisti dalla lunga esperienza e di fama internazionale.

Le lezioni sono terminate con un evento finale che anche quest’anno, come già era stato nel 2018, si è trasformato in un vero e proprio spettacolo: accompagnati al pianoforte dal M° Angelo Michele Errico, gli studenti si sono esibiti, al fianco del M° Alessandro Corbelli, nel meraviglioso Parco di Villa Favard in uno spettacolo dinamico, brillante e coinvolgente grazie anche alla regia ed i costumi di Hugo de Ana ed alle luci di Valerio Alfieri.

In questa parte del percorso formativo gli studenti hanno potuto sperimentare una vera e propria produzione teatrale, un percorso completo con i costumi, il trucco, la direzione di scena e direzione di produzione, prove musicali e di regia. Sono stati accompagnati ed assistiti nella preparazione di una performance durante la quale hanno potuto mettere in luce e conoscere le proprie qualità ed i propri talenti, di fronte ad un pubblico numeroso nonostante le norme Covid 19 avessero obbligato ad un contingentamento di posti disponibili, di appassionati e professionisti.

Come ogni anno la Masterclass è stata arricchita da lezioni conversazione tenute da professionisti del mondo dello spettacolo:

“L’importanza dello Studio per impostare la carriera”: Raffaella Coletti, manager artisti, Direttore dei Corsi di Corso d’Opera, ha dialogato con i partecipanti sulla necessità di sviluppare un piano di studio per impostare una carriera a lungo termine, che permetta di ottimizzare il lavoro con una pianificazione mirata.

 “Orientarsi negli Young Artists Program”: Evamaria Wieser, Casting Manager del Festival di Salisburgo e Direttore dello Young Artists Program dello stesso. La Signora Wieser ha illustrato ai ragazzi l’impostazione dei più importanti Young Artists Program Internazionali (New York, Salisburgo, Mosca) con i quali collabora da diversi anni e li ha caldeggiati a seguire i bandi di questi programmi di studio, indicando loro i percorsi da seguire e consigliandoli sulle strategie artistiche da attuare per essere selezionati: lo studio e la preparazione del repertorio.

“Paura e Rabbia: emozioni che possono compromettere la performance e la carriera. Come gestirle?”: Fabio Fassone, formatore certificato CEB – Cultivating Emotional Balance, California University – S. Francisco e Santa Barbara Insitute for Consciousness Studies e abilitazione CEBTT – Cultivating Emotional Balance Teacher Training con Paule Eve Ekman e Alan Wallance. È docente di Equilibrio emotivo presso UNIPI – Università di Pisa.

Fabio Fassone ha trascorso con gli studenti qualche ora il 4 settembre dedicando due ore alla conoscenza teorica delle diverse emozioni e del loro impatto nella conduzione di una perfomance e segnalando ai ragazzi le strategie di gestione delle emozioni, soprattutto di quelle negative, al fine di renderle una risorsa di energia positiva che possa beneficiare la prestazione artistica.

A completare il programma formativo delle 20 giornate di studio, i due eventi del 4 e 12 settembre: il 4 settembre, presso la Sala del Buonumore (sede centrale del Conservatorio L. Cherubini di Firenze) gli studenti si sono esibiti nel Concerto di metà corso al fianco del M° Michele Pertusi, al pianoforte M° Beatrice Bartoli; il 12 settembre, presso lo splendido Parco di Villa Favard (sede distaccata del Conservatorio L. Cherubini di Firenze) gli studenti si sono esibiti in un vero e proprio Concerto-Spettacolo al fianco del M° Alessandro Corbelli, guidati dalla regia e con i costumi di Hugo de Ana, le luci di Valerio Alfieri e accompagnati al pianoforte dal M° Angelo Michele Errico.

Le Lezioni Aperte si sono tenute nei giorni 3,4,5 e 10,11,12 settembre e vi hanno assistito ospiti professionisti del settore operistico come Paolo Klun (responsabile di comunicazione e marketing del MMF), Gregorio Moppi (Repubblica), Francesco Ermini Polacci (Corriere Fiorentino), Danilo Boaretto (direttore di Operaclick),  Susanna Toffaloni (critico Operaclick), Claudio Orazi ( Sovrintendente del Teatro Carlo Felice di Genova) che ha confermato la sua intenzione di intraprendere una collaborazione attiva con Corso d’Opera, prospettando di voler includere in una prossima stagione del Carlo Felice uno spettacolo con giovani professionisti formati secondo lo schema proposto ogni anno dall’associazione.

Insieme con loro erano presenti anche soci e membri del Consiglio Direttivo di Corso d’Opera Carlo Mazzini, insieme con Michele Lai, EvaMaria Wieser, Maria Cristina Rizzi, Francesco Giovanni  e Romola Tomasinelli , Maria Francesca Spatolisano, Pietro Sorrentino. Anche quest’anno RAI TG3 ha seguito La Masterclass con servizi televisivi.

Il 13 settembre, nella sala del Sala del Camino presso l’Hotel Ville sull’Arno a Firenze, si è tenuto l’incontro conclusivo dei corsi e la cerimonia di consegna degli attestati al quale hanno presenziato, insieme a tutti gli studenti e docenti, il Presidente Walter Vergnano, il Vice-Presidente Carlo Mazzini, il Direttore Generale Raffaella Coletti.

Durante questo incontro tutti i partecipanti hanno espresso con entusiastiche testimonianze il loro pieno consenso sulla Masterclass 2020 e sulle attività intraprese dall’associazione dal 2012, affermando di avere avuto l’opportunità di lavorare con artisti che fino a quel momento “avevano potuto ascoltare solo nei dischi”. Hanno molto apprezzato di aver affrontato i tanti e diversi aspetti della loro futura professione, fino a quel momento completamente sconosciuti e di solito non curati in altri percorsi formativi. Hanno riferito che, oltre alla completezza del programma di studio, la preparazione al concerto-spettacolo finale con una vera e propria regia è stata un’esperienza determinante per comprendere appieno il significato della loro professione. Con la consegna degli attestati di partecipazione si è concluso l’incontro che è stato arricchito dai consigli e i suggerimenti di tutti i professionisti di settore presenti ed affettuosi saluti di “arrivederci a presto”.

I docenti di tutti i corsi e lezioni hanno manifestato la propria soddisfazione nell’aver trovato la Masterclass un’eccellente e completo progetto, sia per la pianificazione del percorso formativo che per l’ottimo livello degli studenti; tutti hanno confermato la loro disponibilità a nuove e future collaborazioni.

Tutti i presenti hanno mostrato il loro entusiasmo per il progetto “Corso d’Opera” che è stato definito un esempio nel panorama internazionale dei percorsi formativi dei giovani cantanti, in un momento nel quale si sta “dimenticando” la tradizione dei grandi maestri.

Altro elemento di eccellenza riconosciuto a questa Masterclass sono state le sedi delle lezioni, gentilmente offerte dal Conservatorio L. Cherubini di Firenze:

I locali ed il parco di Villa Favard, splendida villa ottocentesca recentemente ristrutturata e divenuta sede distaccata del Conservatorio L. Cherubini e la Sala del Buonumore, il prestigioso auditorium della sede centrale del Conservatorio.

Il piano di Raccolta Fondi del 2020 sta superando gli obiettivi prefissati, permettendo all’Associazione di realizzare il percorso artistico prestabilito. Questo ha permesso di accogliere gli studenti effettivi a titolo completamente gratuito, finanziando per loro anche vitto e alloggio per tutta la durata dei corsi.

Significativi sono i dati input ed output del 2019 dei ragazzi che hanno partecipato alle precedenti edizioni della Masterclass e che stanno costruendo la loro carriera ottenendo scritture artistiche, vincendo concorsi e venendo ammessi a programmi per giovani artisti lirici dei più grandi teatri al mondo.

CORSO D’OPERA riconosce con gratitudine il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, di SIAE/MIBACT progetto PerChiCrea, la preziosa collaborazione del Conservatorio L. Cherubini di Firenze.

CORSO D’OPERA ringrazia anche la Città di Firenze, in particolare il Sindaco Dario Nardella e l’Assessore alla cultura, moda e design Tommaso Sacchi per il Patrocinio ed i suoi partner tecnici: Giannoni Fabbri Vini Cortona, Residence San Niccolò Firenze, Hotel Ville sull’Arno Firenze, Hotel Florence Home Firenze, Ristorante Casa della Nella Firenze, Ristorante Pizzeria Pizzaman Firenze, Opera Click e la rivista L’Opera.

Programma CORSO D'OPERA in residenza a Firenze 2020_page-0001

PROGRAMMA 2020

Leggi